Rimuovere la placca è un problema comune a tutti. La placca è un film morbido e appiccicoso che si accumula all’esterno dei denti e lungo la linea gengivale. Una persona può prevenire e curare l’accumulo di placca a casa. Se una persona non pratica una buona igiene dentale, la placca può trasformarsi in una dura sostanza giallo-marrone chiamata tartaro, e in questo caso è necessario ricorrere al dentista.

Quando le persone mangiano, i batteri in bocca scompongono i carboidrati dal cibo in acido, che si mescola con le particelle di cibo rimanenti e la saliva per creare la placca.

Spazzolatura e filo interdentale spesso impediscono la formazione di placca e tartaro. Tuttavia, il tartaro può essere più difficile da rimuovere e talvolta richiede una visita dal dentista per una pulizia professionale.

Una scarsa igiene orale può anche causare alitosi, carie e malattie gengivali (gengivite) ed altre patologie. Ricerche recenti hanno anche scoperto possibili associazioni tra malattie gengivali e altre condizioni di salute, tra cui polmonite, demenza e malattie cardiache.

In questo articolo, scopri alcuni semplici modi per rimuovere la placca e prevenire l’accumulo di tartaro.

Praticare una buona igiene orale per rimuovere la placca

Praticare una buona igiene orale è il modo migliore per rimuovere la placca e il tartaro. L’American Dental Association (ADA) consiglia di lavarsi due volte al giorno con un dentifricio al fluoro. Raccomandano anche di usare il filo interdentale una volta al giorno.

Il filo interdentale rimuoverà prima i pezzi di cibo e la placca tra i denti nelle aree difficili da raggiungere. Dopo il filo interdentale, lo spazzolino rimuoverà la placca sulla superficie dei denti.

Per lavarsi i denti in modo efficace, puoi:

  • Iniziare nella parte posteriore della bocca con i molari superiori.
  • Spazzolare con movimenti corti e circolari.
  • Spazzolare le superfici anteriore e posteriore di tutti i denti superiori.
  • Ripetere i passaggi 1–3 sui denti inferiori.

Puoi ottenere grandi risultati usando gli spazzolini manuali. Tuttavia, una revisione sistematica del 2014 ha rilevato che gli spazzolini elettrici, in particolare quelli con teste oscillanti, sono più efficaci nella rimozione della placca e nella riduzione della gengivite.

Dopo aver usato il filo interdentale e lavato i denti, bisogna sciacquare la bocca con il collutorio. Molti collutori da banco contengono fluoro per una protezione aggiuntiva contro la placca.

Le persone che hanno la gengivite possono richiedere un tipo più forte di collutorio. Un dentista o un altro operatore sanitario può prescrivere collutori antisettici che sono più potenti di quelli disponibili al banco.

Spazzolatura con bicarbonato di sodio

Spazzolare con bicarbonato di sodio è un modo sicuro ed efficace per rimuovere la placca. Il bicarbonato di sodio può rimuovere la placca senza danneggiare lo smalto.

Gli studi suggeriscono che il dentifricio che contiene bicarbonato di sodio può essere più efficace nel ridurre la quantità di placca in bocca rispetto al dentifricio tradizionale.

Il bicarbonato di sodio protegge anche dalla demineralizzazione, un processo chimico che rimuove il calcio dallo smalto dei denti.

I carboidrati dal cibo possono ridurre drasticamente il livello del pH della bocca, creando un ambiente acido che provoca la demineralizzazione.

Gli scienziati misurano l’acidità di una sostanza usando la scala del pH. Più basso è il pH, più acida è la sostanza.

Il limite inferiore per il pH dello smalto è compreso tra 5,1 e 5,5. Quando il pH scende al di sotto di questo intervallo, inizia la demineralizzazione.

Il bicarbonato di sodio riduce la demineralizzazione perché ha un pH elevato, che può aiutare a bilanciare il livello di pH all’interno della bocca e prevenire la perdita di smalto.

La bocca ospita un diverso ecosistema di batteri, alcuni dei quali sono utili mentre altri possono essere dannosi. Lo streptococcus mutans, ad esempio, è il principale responsabile della carie.

Il bicarbonato di sodio ha anche proprietà antimicrobiche che possono prevenire la carie. La ricerca suggerisce che il bicarbonato di sodio può ridurre significativamente la quantità di Streptococcus mutans.

Le persone possono trovare bicarbonato di sodio in molti negozi di alimentari e online.

Sciacqui con olio di cocco per ridurre la placca

Fare sciacqui con olio è un modo semplice per rimuovere i batteri dalla bocca e migliorare la salute orale.

L’olio di cocco è l’ideale per le sue proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti. L’olio di cocco contiene anche acido laurico, un acido grasso con proprietà antimicrobiche.

Uno studio del 2015 che ha coinvolto 60 adolescenti con gengivite ha scoperto che gli sciacqui con olio di cocco ha comportato una riduzione del 50 percento della placca dentale.

I partecipanti allo studio hanno anche riscontrato una significativa riduzione dei sintomi della gengivite. I ricercatori ritengono che ciò sia dovuto alla riduzione della placca dentale.

Per fare gli sciacqui con l’olio di cocco:

  • Metti 1 cucchiaio di olio di cocco caldo in bocca.
  • Fai girare l’olio di cocco intorno alla bocca per 5-10 minuti.
  • Sputa l’olio di cocco in un bidone della spazzatura o in un tovagliolo di carta.

Una persona dovrebbe evitare di sputare l’olio di cocco nel lavandino, in quanto potrebbe ostruire i tubi.

L’olio di cocco è disponibile per l’acquisto in alcuni negozi di alimenti naturali e online.

Altri oli efficaci per questa modalità di prevenire o diminuire la placca:

  • olio d’oliva
  • olio di mandorle
  • olio di sesamo

Prevenzione

Una persona può prevenire la formazione di placca e tartaro usando il filo interdentale.

Il modo migliore per prevenire l’accumulo di placca e tartaro sui denti è usare il filo interdentale una volta al giorno e lavarsi i denti due volte al giorno con un dentifricio al fluoro.

Controlli dentali regolari e pulizie professionali possono aiutare a prevenire e curare problemi di salute orale.

I dentisti esaminano l’intera bocca, controllando la presenza di segni di carie e malattie gengivali. Rimuoveranno qualsiasi placca o tartaro sulla superficie dei denti e in luoghi difficili da raggiungere. I dentisti possono anche trattare i denti con fluoro per aiutare a prevenire la carie.

Se un dentista nota cavità o segni di infiammazione delle gengive, consiglierà i modi per ridurre i sintomi e prevenire ulteriori danni. Possono prescrivere collutori medici o suggerire un cambiamento relativo alla routine di igiene orale di una persona.

I cambiamenti nella dieta possono anche aiutare a prevenire l’accumulo di placca e tartaro. Ridurre lo zucchero, l’amido e gli alimenti acidi può ridurre il rischio di carie.

Per ridurre il rischio di placca e tartaro, una persona dovrebbe evitare:

  • biscotti, torte e caramelle
  • alimenti ricchi di amido o zuccheri che possono attaccarsi ai denti, come pane, patatine e alcuni frutti secchi
  • bibite gassate e bevande sportive
  • succhi di agrumi

Sommario

L’accumulo di placca e tartaro sui denti può portare a malattie gengivali, perdita di smalto e carie.

Una scarsa igiene orale può anche svolgere un ruolo nello sviluppo di altre condizioni di salute.

Lavarsi due volte al giorno con un dentifricio al fluoro e usare il filo interdentale una volta al giorno sono i modi migliori per rimuovere la placca dai denti e prevenire la formazione del tartaro.

Altri rimedi casalinghi che possono rimuovere la placca includono sciacqui con olio di cocco e lavarsi i denti con bicarbonato di sodio.

Visitare un dentista per controlli regolari e pulizie è un altro passo essenziale per mantenere una buona igiene orale.

Per le persone con eccessiva placca o grave malattia gengivale, un dentista può anche raccomandare collutori con obbligo di prescrizione medica o modifiche della routine di cura orale.

>
Torna su